Comunicato stampa

8-gen-2013 | 2101-IT

Criteri di controllo OEKO-TEX® 2013

Zurigo (hm) Come all'inizio di ogni anno, anche questa volta l'Associazione OEKO-TEX® ha aggiornato i criteri di controllo e i valori limite in vigore relativi alla certificazione dei prodotti ai sensi dell'OEKO-TEX® Standard 100. Dopo un periodo di transizione di tre mesi, il 1° aprile 2013 entreranno in vigore i seguenti nuovi regolamenti validi per tutte le procedure di certificazione.

  • In futuro i prodotti tessili sottoposti alle operazioni di certificazione verranno testati per verificare la presenza di altri otto Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA). Nella classe di prodotti I l'attuale valore limite per il benzo-alfa-pirene è stato inoltre ridotto a 0,5 mg/kg e il valore limite complessivo finora in vigore per tutti gli altri IPA è stato ridotto a 5 mg/kg.
  • In seguito alla classificazione come sostanza estremamente preoccupante (sostanza SVHC) ai sensi della legislazione REACh, il dimetilformammide (DMF) è stato inserito nell'elenco dei solventi regolamentati e alla sostanza è stato attribuito un valore limite dello 0,1%.
  • Inoltre in futuro i campioni di prova verranno testati per verificare la presenza di altri tre ftalati preoccupanti per la salute dal momento che anche queste sostanze sono state in parte classificate come sostanze SVHC e sono state inserite nel "Registry of Intentions" REACh. Il valore limite complessivo dello 0,1% per la classe di prodotti I e le classi di prodotti da II a IV rimane invariato.
  • Sulla base della limitazione stabilita nell'Allegato XVII del regolamento REACh il dimetil fumarato (DMFu) verrà aggiunto, con un valore limite di 0,1 mg/kg, all'elenco dei residui chimici regolamentati da OEKO-TEX® e la sua presenza verrà testata negli articoli rilevanti.
  • In seguito alla modifica della norma europea relativa alle determinazione della quantità di nickel rilasciabile, i valori limite per il nickel estraibile sono stati modificati in tutte le classi di prodotti OEKO-TEX®. Prossimamente il nuovo valore limite per la classe di prodotti I sarà pari a 0,5 mg/kg e nelle classi di prodotti da II a IV a 1,0 mg/kg.
  • Il regolamento relativo a nonilfenolo, ottilfenolo e alchilfenoletossilati (APEO), introdotto già all'inizio del 2012 per la certificazione dei prodotti secondo l'OEKO-TEX® Standard 100, sarà definitivamente vincolante a partire dal 1° aprile 2013 per tutte le certificazioni dei prodotti secondo l'OEKO-TEX® Standard 100.

    Attualmente sono in vigore i seguenti valori limite:
    - somma ottilfenolo (OP) e nonilfenolo (NP) = 50 mg/kg (corrisponde allo 0,005 percento in massa)
    - somma ottilfenolo, nonilfenolo, etossilati di ottilfenolo-(1-2) e etossilati di nonilfenolo-(1-9) = 500 mg/kg (corrisponde allo 0,05 percento in massa)

    Con questi valori limite OEKO-TEX® sostiene l'iniziativa "Zero Discharge of Hazardous Chemicals (ZDHC)". Nell'ambito degli audit aziendali si intende promuovere ulteriormente la sensibilizzazione delle aziende partecipanti al sistema OEKO-TEX® nei confronti di queste sostanze problematiche nocive per l'ambiente contenute nei coadiuvanti.
  • In futuro su ogni certificato OEKO-TEX® rilasciato verrà riportato esplicitamente che la conformità degli articoli contrassegnati con il marchio OEKO-TEX® verrà verificata regolarmente tramite audit aziendali.

Per maggiori informazioni sui nuovi criteri di controllo OEKO-TEX® è possibile rivolgersi all'istituto OEKO-TEX® competente nonché alla segreteria OEKO-TEX® (info@oeko-tex.com).

Indietro alla panoramica